Il Suo Culto - SIRACUSANDO Il Portale di Siracusa

Vai ai contenuti

Il Suo Culto

La Patrona

Deposto il suo corpo nelle catacombe, che da lei presero il nome, divenne il suo sepolcro ben presto famoso richiamando i fedeli che ne ricevevano graabbondanti. Fu subito la Santa per eccellenza dei siracusani. In iscrizioni greche delle catacombe siraanche dopo un secolo dal martirio è detto «la nostra santa Lucia ». Soprattutto è rimasta fala iscrizione di Euschia venuta alla luce nel 1894 in escavi archeologici. Essa dice «Euschia la irreprensibile, vissuta buona e pura per anni circa 25, morì nella festa della mia Santa Lucia per la quale non vi ha elogio condegno: (fu) cristiana, fedele, perfetta, grata al suo marito di morta gratitudine».
All’inizio del V secolo, data dell’iscrizione, la Santa era ormai popolare: Euschia, questa donna, muore giovane nel giorno festivo della sua patrona, che nespuò elogiare in maniera conveniente giacché ortutti ne conoscevano vita, virtù e prodigi. Secondo il breviario Gallo-Siculo sopra il sepolcro di S. Lucia sarebbe stata innalzata una basilica nel 310: addiritsette anni dopo il martirio !
Se la notizia è discutibile per questa data, si può peraltro ammettere che la basilica sia stata eretta non molto tempo dopo la sua morte: comunque prima della citata iscrizione di Euschia.
Il suo culto ben presto si diffuse fuori della Sistessa come documentano le stratificazioni più antiche del martirologio Geronimiano: prova ne sial’inserzione del nome della Santa nel Canone delMessa da parte di papa S. Gregorio Magno ( 604), la devozione in Roma stessa, dove le vennero deuna ventina di chiese e nell’Italia settentriodove la troviamo effigiata a Ravenna in S. ApolNuovo nella processione delle vergini, in Innella chiesa Greca, dove il Damasceno stescompose la liturgia in onore della Santa. Dopo le scoperte geografiche del secolo XV, il suo culto si estende particolarmente nell’America Latina, nell’Africa, in alcuni luoghi dell’America del Nord. Nella devozione popolare la sua vita si arricchisce di particolari leggendari: il più famoso è quello di creche la santa stessa si sia levata gli occhi invianin un bacile di argento al giovane, che si era indel loro splendore affascinante oppure, sela versione, accettata fra l’altro anche dall’umaBattista Mantovano, li abbia mandati a Pascasio stesso, ma subito le siano stati rimessi con improvviso miracolo, poiché S. Raffaele sarebbe sceso da cielo a compierlo.
Non sappiamo quando sia nata la leggenda (ma è probabile di età umanistica), che presenta una partisomiglianza con episodi consimili verificatisi nella favolistica indiana: forse si è dato il caso di omonimia con un’altra Santa, che si sarebbe tolta gli occhi per liberarsi da un’incauta persona, o meglio per un processo di etimologia popolare del nome ravil rapporto: Lucia = luce, oppure come sugil Delehaye, quale ex-voto di devoto guarito. Di conseguenza, in base ai principi della pietà popoS. Lucia fu invocata per proteggere la luce degli occhi, cioè la vista. Forse, secondo quanto insinua il dotto Garana, codesto rapporto è antichissimo, come può risultare dall’iscrizione di Euschia del IV secolo, nella quale il nome della devota nel valore di « om» può alludere ad affezione morbosa della vista. Certo nell’appendice miracolistica, annessa al racconto della traslazione veneziana del 1280 (ma giuntaci in un testo quattrocentesco), sono documentati alcuni miracoli di vista riacquistata. Una prova ulteriore è data da quanto la tradizione afferma di Dante Alialmeno stando ai dati del figlio Jacopo, per cui il poeta sarebbe guarito da grave danno alla vista subito per le lagrime sparse in morte di Beatrice, dopo di aver invocato spesso S. Lucia durante il male, onde l’ha collocata nel secondo canto dell’Inferno, nel nono del Purgatorio e nel trentatreesimo del Paradiso: non più dunque in sola funzione allegorica, quanto invece come gesto di riconoscenza devota.

Copyright © 1999/2018 - Siracusando.it - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti