Ifingenia di Euripide - SIRACUSANDO Il Portale di Siracusa

24/02/2020
Vai ai contenuti

Ifingenia di Euripide

Rappresentazioni Classiche
IFIGENIA IN TAURIDE
Opera di |Euripide
Traduzione |
Regia |
TRAMA



Agamennone non aveva immolato sua figlia in Aulide, Ifigenia stessa lo racconta in avvio di tragedia, poiché la dea Artemide la aveva sostituita con una cerva e trasportata nella lontana Tauride, l’odierna Crimea. Qui Ifigenia lamenta la sua sorte di sacerdotessa, costretta dal re del luogo, Toante, a compiere sacrifici umani su chiunque sbarchi nella sua terra. Un mandriano annuncia la cattura di due possibili nuove vittime arrivate dalla Grecia. In un dialogo ricco di colpi di scena, Ifigenia riconosce il fratello Oreste e il suo amico Pilade nei due profughi.
Il terzetto architetta quindi un inganno ai danni del feroce Toante e riesce nell’impresa di portare via la statua di Artemide e di beffare il sovrano, prendendo il largo alla volta della loro patria, mentre Atena ex machina impedisce a Toante inseguimento e ritorsioni sulle ancelle greche, liberate anch’esse. da donna per spiare, non vinto, le Baccanti tebane. Lo attende un terribile destino di sangue.
DATE
MAGGIO
09/13/15/17/19/21/23/27/29/31
GIUGNO
02/07/11/14/16/19/24/28
LUGLIO
02
Copyright © 1999/2020 - Siracusando.it - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti