Home Page - SIRACUSANDO Il Portale di Siracusa

Il Portale di Siracusa

Siracusando

Vai ai contenuti
Siracusando è un sito di Informazione e Accoglienza Turistica di Siracusa.
Nel suo insieme, il Portale vuole offrire al turista, all'operatore e al cittadino un servizio di informazioni sulla vasta panoramica delle opportunità, dei luoghi e degli appuntamenti in città e della provincia, assicurando la qualità, l'aggiornamento, la completezza e l'affidabilità delle notizie pubblicate.
La Redazione Siracusando copre il territorio di 21 Comuni:
Augusta, Avola, Buccheri, Biscemi, Canicattini Bagni, Carlentini, Cassaro, Ferla, Floridia, Francofonte, Lentini, Marzamemi, Melilli, Noto, Pachino, Palazzolo, Priolo Gargallo, Rosolini, Siracusa, Solarino, Sortino.
SPONSOR
S.Lucia è la Patrona di Siracusa
Lucìa (Siracusa 283 ca - ivi 304 ca) Martire e santa (festa: 13.12). Ricca fanciulla siracusana promessa sposa a un pagano, fu da questi denunciata come cristiana, avendo rinunciato al matrimonio per un voto di castità. Sulla scorta di una leggenda posteriore che vuole le siano stati strappati gli occhi e per un’etimologia popolare che ha collegato il suo nome con quello di “luce”, è considerata protettrice della vista. In alcune regioni italiane (spec. Veneto ed Emilia) permane tuttora l’uso di fare doni ai bambini in occasione della ricorrenza della sua festa.


Siracusa da visitare

Siracusa è una città sulla costa ionica della Sicilia. È nota per le rovine dell'antichità. Il centrale Parco Archeologico della Neapolis racchiude l'anfiteatro romano, il Teatro Greco e l'Orecchio di Dionisio, una grotta scavata nel calcare a forma di orecchio umano. Il Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi espone reperti in terracotta, ritratti di epoca romana e scene dell'Antico Testamento scolpite nel marmo bianco
L'Isola di Ortigia posta nella costa orientale della Sicilia.
La sua conformazione geologica è composta da una roccia con fratture naturali, questo tipo di roccia si presta a far filtrare l'acqua naturalmente, questo motivo spiega perché l'isola sia collegata "idrologicamente" alla terraferma siracusana. L'alimentazione di tale rapporto con l'acqua può essere attribuito ad un falda profonda collocata in corrispondenza di una faglia, attualmente inattiva, ricca d'acqua, la quale è compressa dallo strato impermeabile delle argille quaternarie che si stendono nella bassa valle dell'Anapo e circondano l'isola di Ortigia ed il Plemmirio.

Duomo di Siracusa
La cattedrale della Natività di Maria Santissima sorge sulla parte elevata dell'isola di Ortigia, incorporando quello che fu il principale tempio sacro in stile dorico della polis di Syrakousai, dedicato ad Atena (Minerva) e convertito in chiesa con l'avvento del cristianesimo.
Considerata la chiesa più importante della città di Siracusa, è entrata a far parte dei beni protetti dall'UNESCO in quanto patrimonio dell'umanità. Il suo stile è all'esterno principalmente barocco e rococò, mentre al suo interno alterna parti risalenti all'epoca siceliota, poiché appartenenti al tempio greco e parti risalenti all'epoca medievale, costruite dai Normanni e così lasciate fino ai giorni attuali. La sua struttura interna è composta in diverse navate e cappelle, le quali hanno uno stile classico e decorato, tipico del barocco anch'esso.
Di grande significato religioso, custodisce statue, reliquie e spoglie di santi, martiri e nobili siracusani. I suoi arredi hanno visto il susseguirsi di artisti provenienti da più parti d'Italia e dall'estero. Da sempre simbolo della religiosità siracusana, la cattedrale attraversò le varie fasi storiche e culturali della città.
L'IPOGEO DI PIAZZA DUOMO A SIRACUSA
Il cui ingresso si apre alla base del giardino dell'Arcivescovado (visita dietro pagamento di un biglietto), è una di queste gallerie, che unisce cave di pietra e cisterne (enorme ed assai suggestiva quella dell'Arcivescovato).
Durante la seconda guerra mondiale la rete di cunicoli fu adattata a rifugio contro i bombardamenti Alleati che investirono la città (l'armistizio fra Italia e Alleati fu firmato a Cassibile, proprio alle porte di Siracusa), e una serie di commoventi immagini dell'epoca, proiettate in loco, documenta quell'episodio storico.

Le Rappresentazioni Classiche
Le rappresentazioni classiche nel Teatro Greco di Siracusa rinviate al 2021
La cinquantaseiesima stagione delle rappresentazioni classiche è rinviata. Gli spettacoli saranno riprogrammati nel 2021.
I biglietti acquistati per le rappresentazioni in programma nella stagione 2020 (Baccanti, Ifigenia in Tauride e Le Nuvole) restano validi per il 2021.
Per informazioni potete rivolgervi alla biglietteria della Fondazione Inda,  scrivendo una mail a biglietteria@indafondazione.org o telefonando  al numero verde 800 542644.

Contatti
Per ogni Vostra richiesta o curiosità potete contattare la nostra Direzione di Siracusando.it scrivendo direttamente da qui:
nfo@siracusando.it
Copyright © 1999/2021 - Siracusando.it -
Tutti i diritti riservati
Created with amodicam
Torna ai contenuti